Intolleranza al Lattosio


condividi su

Come ridurre i disturbi scegliendo i cibi giusti


Intolleranza al Lattosio L'intolleranza al Lattosio è ormai un disturbo molto diffuso nella nostra Popolazione.
Tuttavia i dati non dovrebbero stupirci: se guardiamo l'uomo come "animale", è l'unico ad assumere il Latte anche da Adulto ed è anche l'animale che allatta per più tempo.
Il latte non era un alimento che compariva nella dieta dell'adulto nell'uomo primitivo, ma la nostra alimentazione è profondamente cambiata nel corso dell'evoluzione e, ad oggi, ci sono molti tolleranti al Lattosio tra gli adulti.

L'intolleranza nasce dal deficit di Lattasi, l'enzima deputato alla scissione del Lattosio, ovvero lo zucchero del Latte, in Galattosio più Glucosio.
La carenza dell'enzima causa una persistenza dello Zucchero nell'Intestino, che non potendo essere correttamente digerito viene attaccato dalla Flora batterica Intestinale, causando fenomeni di fermentazione e produzione di Gas.
Attualmente per la corretta diagnosi di Intolleranza al Lattosio e deficit dell'enzima, si utilizza il Breath test, che va a quantificare l'emissione di gas nel respiro esalato dall'individuo, che ha assunto quantità di Lattosio ben definite.
Il test richiede dalle 2 alle 3 ore ed è molto specifico.

Non confondiamo l'intolleranza al lattosio con l'allergia alle proteine del Latte, che può causare anche shock anafilattico.

I sintomi che sono alla base del disturbo vanno dal gonfiore alla flatulenza, dolori addominali, diarrea e vomito e possono insorgere anche 30 minuti dopo l'ingestione.
Per ridurre la sintomatologia, bisogna eliminare il Lattosio dalla dieta e dunque rinunciare al latte, eccetto quello senza lattosio, ai latticini, eccetto il grana e il parmigiano reggiano.
Lo yogurt invece può essere mantenuto, ma va eliminato nei soggetti particolarmente sensibili.
Attenzione alle verdure: broccoli, funghi, cipolle, pere, patate e spinaci lo contengono, anche se in traccia e ovviamente il contenuto aumenta nelle preparazioni gastronomiche come i soufflè o gli sformati. Leggi sempre le etichette e nel dubbio chiedi al ristoratore!

Attenzione poi alle carni e agli insaccati: il prosciutto cotto e quello crudo, la bresaola e la fesa di tacchino possono contenerlo ed è quindi preferibile leggere l'etichetta per esserne sicuri. Il lattosio è poi presente, in piccole quantità, nel pollo e nel tacchino, nel vitello e nel manzo.

Tutti i prodotti industriali, già pronti, come zuppe e risotti in busta, pane in cassetta, hamburger, patatine fritte, ecc. lo contengono.
E' preferibile ridurre anche e soprattutto questi cibi.

I limiti di tolleranza variano poi da individuo ad individuo, per cui prima di eliminare definitivamente tutti gli alimenti che lo contengono, cerca di conoscere il livello di sensibilità oltre il quale iniziano a comparire i primi sintomi.
Puoi fare questo attraverso un diario alimentare oppure appuntando in un quaderno i sintomi che hai manifestato e i cibi che avevi assunto. Solo così
potrai conoscere la tua sensibilità.

Autore: Dr.ssa Rosa G. Pinizzotto Biologa Nutrizionista

Vai alla sua pagina Facebook

Per eventuali richieste di appuntamento contatta la dottoressa al numero 333.4415314




I contenuti di questo sito hanno solo carattere di discussione e non dovrebbero essere usati come base per decisioni di carattere personale, da prendere sempre e comunque a contatto diretto con lo specialista. RomaWellness non sara' responsabile per danni di qualsiasi tipo derivanti dall'uso delle informazioni fornite in questo sito.

La Primavera in tasca


La stagione della rinascita porta con se cibi e pietanze deliziose, ma anche piccoli disturbi da combattere con la prevenzione, dall'alimentazione allo sport

Vegetariano o Vegano


L'Italia è il Paese con il più alto tasso di obesità tra i Paesei Europei, ma anche con la più alta percentuale di vegani/vegetariani.

Alimentazione emotiva


Dovremmo imparare a leggere i sintomi nascosti nel nostro comportamento che segnalano quanto la psiche detti la nostra alimentazione.

La Medicina del Futuro: la frutta secca oleosa


Il ruolo della frutta secca diviene sempre più preponderante e giorno dopo giorno emergono nuovi studi in Letteratura scientifica che avvalorano la tesi secondo cui: assumere piccole quantità di frutta secca, quotidianamente, migliora la quali
Newsletter
iscriviti alla nostra newsletter

Rubriche

Dieta a Capodanno? Ecco 10 pietanze da evitare

Per chi è nel bel mezzo di una dieta o soffre di colesterolo alto e trigliceridi, le festività rappresentano un problema, perchè le tentazioni sono davvero tante.

Il Cibo spazzatura

Patatine, snack, hamburger e hot dog, soft drink e molti altri cibi che non appartengono alla Dieta Mediterranea

Sport e Spuntino: cosa posso portare in palestra?

Anche se i ritmi di vita sono sempre incessanti dobbiamo imparare a non saltare i pasti e a scegliere cibi salutari.

Dieta Mediterranea - Alleata della nostra Salute

Si parla sempre più di modelli alimentari vegetariani o vegani, ma non si conosce la cultura e il modello proposto dalla Dieta Mediterranea.

Ricetta del panettone fatto in casa

E dopo la cena? Un buon panettone! Si, ma che sia buono!

I legumi prezioso ingrediente per inventare nuove pietanze

Si fa un gran parlare della carne rossa come unica e sola fonte di proteine, ma anche i legumi ne sono una sorgente, soprattutto se uniti ai carboidrati.

L'Antico Egitto: pioniere della cucina moderna

Si fa sempre più strada la necessità di ritornare ad un'alimentazione più ricca di fibre, alimenti integrali, lievito madre, semi oleosi, ecc. Nell'Antico Egitto tutto questo non era una novità, ma la base della cucina.

I cibi che aiutano la vista

I nostri occhi ricavano beneficio da una corretta alimentazione

La tendenza dell'estate è la gonna lunga, ma a noi piace la mini-gonna!

Tutti i marchi più o meno fashion, propongono per l'estate la gonna lunga... ma la minigonna rimane un capo storico intramontabile.

Ecco cosa indossare durante una cerimonia. E' vietato sbagliare abito.

E' tempo di cerimonie e come sempre ci troviamo davanti al grosso dilemma sulla scelta dell'abito giusto. Ecco alcuni consigli per non sbagliare.

Lo stile Boho-Chic: dagli anni '60 fino ad oggi

Lo stile dei figli dei fiori è arrivato fino a noi e lo stiamo riscoprendo in una versione più glamour delle sue origini.

Camicia di jeans ovvero a volte ritornano...

Un capo tornato alla ribalta quest'anno ma che ha una storia molto lunga alle spalle.

Metti una sana cena a sera

Un pasto serale leggero e gustoso aiuta a favorire un buon riposo

La Primavera in tasca

La stagione della rinascita porta con se cibi e pietanze deliziose, ma anche piccoli disturbi da combattere con la prevenzione, dall'alimentazione allo sport

Alimentazione emotiva

Dovremmo imparare a leggere i sintomi nascosti nel nostro comportamento che segnalano quanto la psiche detti la nostra alimentazione.

Le feste sono finite e inizia il mese delle promesse: cosa ci impedisce di rispettarle?

Il mese di Gennaio, così come Settembre, potrebbero essere chiamati: "i mesi delle promesse". Tutti rincorrono a "diete fai da te", sulla scia dell'ultima moda, promettono di iscriversi in palestra, perdere qualche chilo e rientrare in quella

res20

segui romawellness su facebook